<p>Peila suzuki Nissan</p>
Notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani e notizie aosta
Meteo Valle d'Aosta

ARCHIVIO NOTIZIE - Maggio 2012 - TURISMO & EVENTI: 0 articoli

attenzione Si č verificato un errore!
L'articolo cercato č stato rimosso, oppure la sezione scelta č vuota.


Si prega di tornare indietro.

 

Archivio notizie precedenti

Fiera di Sant'Orso tra tradizione e novitŕ

Sono 1.178 gli artigiani iscritti alla 1.017ª edizione della Fiera di Sant'Orso che tornerà nel cuore di Aosta il 30 e 31 gennaio.
La Millenaria sarà anticipata dall'apertura dell'Atelier, sabato 28 gennaio alle 10, con 88 artigiani professionisti presenti nei due padiglioni tra piazza Chanoux (77 espositori) e piazza plouves (11 espositori). In concomitanza con l'inaugurazione degli stand dei professionisti sarà aperto anche il padiglione enogastronomico di piazza Chanoux con 77 aziende presenti. I due padiglioni rimarranno aperti sabato 28 e domenica 29 dalle 10 alle 19 e lunedì 30 e martedì 31 dalle 8 alle 19.


Conferme e novità


Confermato il percorso espositivo e la distribuzione degli artigiani (compreso l'ampliamento in via Martinet, ulteriore porta di ingresso alla fiera che ha funzionato molto bene lo scorso anno), quest'anno tra le categorie espositive si troverà anche la lavorazione della pelle e del cuoio, distinta dai tessuti e dalle calzature, come hanno sottolineato la dirigente dell'assessoratio attività produttive, Tamara Cappellari, e l'assessore Raimondo Donzel, per il sempre maggior numero di artigiani che si specializzano su questi materiali grazie al successo dei vari corsi attivati.
Confermati anche parcheggi e navette e tutto il sistema di sicurezza e vigilanza sulla Fiera.


Tra le novità l'App "Artisanat Valdôtain", vero e proprio fulcro che intende riunire tutte le principali manifestazioni di artigianato di tradizione che si svolgono in Valle durante l'anno, per avere un unico strumento di comunicazione. Sulla App (disponibile per Android e iOs) oltre alle informazioni utili, anche l'elenco di tutti gli artigiani iscritti.
Nuova anche la Veillà di Petchou che, sempre in collaborazione con la famiglia Marcoz, l'Europe Direct, Regione e Comune, sarà ospitata dalla Cittadella dei Giovani, lunedì 30 gennaio dalle 16 alle 18. 
Dieci i premi che saranno assegnati: torna il riconoscimento per gli artigiani che festeggiano le nozze d'oro con la fiera (16 quest'anno, tra i quali il neo centenario Amato Brunodet), nuovo premio per il miglior allestimento del banco espositivo e per l'allievo più promettente di una scuola, intitolato alla memoria di Carlo Jans, e inserimento nella cerimonia di premiazione del Premio Città di Aosta - Franco Balan.
Torna, martedì 30 alle 21 al Teatro Splendor (ingresso gratuito) il concerto di chiusura della Foire de Saint-Ours organizzato da L'Orage e Trouveur Valdotèn "Lo bouque son-e", spettacolo di musiche tradizionali.


Il ciondolo


È una maschera lignea disegnata da Enrico Massetto e realizzata insieme a Les Amis du Bois il ciondolo della Fiera 2017. Un soggetto che anticipa i laboratori che saranno organizzati quest'estate al Main di Gignod.
(erika david)

Turismo: le coppie preferiscono la Valle in estate

Bellezze naturali, relax e pratica attività sportive. Sono le tre motivazioni principali per le quali i turisti scelgono la Valle d'Aosta in estate. E' quanto emerge dall'indagine sul turismo estivo 2016 realizzata da TurismOk in collaborazione con l'assessorato regionale al Turismo della Valle d'Aosta.


L'indagine


Il focus principale dell’indagine ha riguardato le motivazioni alla base della scelta della Valle d’Aosta come meta delle vacanze estive dei turisti. La ricerca è stata realizzata attraverso un questionario online composto da 14 domande, oltre ad eventuali commenti, redatto in 4 lingue (italiano, francese, inglese e tedesco). La diffusione dello stesso è stata garantita attraverso l’engagement sui social network emediante la distribuzione capillare sul territorio di apposite locandine presso strutture ricettive, office dutourisme, ristoratori ed altri operatori.


I questionari compilati e validati da luglio a settembre sono stati 1012, rappresentativi di ogni comprensorio turistico. Il target estivo è rappresentato come in inverno dalla fascia d’età 35-50 anni, ma è caratterizzato da turisti mediamente più agée, il che è testimoniato peraltro dalle attività svolte dagli stessi durante la vacanza in Valle d’Aosta.


Il campione appare pienamente rappresentativo della provenienza dei turisti in termini di presenze ufficiali. L’81% dei rispondenti è infatti di nazionalità italiana, mentre la restante parte è composta da stranieri provenienti in particolare da regioni di prossimità, Francia e Svizzera su tutte.


Arrivi e presenze


A livello di dati ufficiali l’estate 2016 è caratterizzata da 482.837 Arrivi (+6,5% rispetto al 2015) e 1.400.423 (+3,9%) così suddivisi:
- Arrivi: giugno 77.940 (+7,5% sullo stesso periodo del 2015), luglio 198.228 (+5,2%), agosto 206.669 (+ 7,3%).
- Presenze: giugno 163.315 (+2,3%), luglio 547.979 (-0,2%), agosto 689.129 (+7,8%).
A giugno le presenze italiane sono state il doppio di quelle straniere; aluglio più del doppio e ad agosto poco meno del quadruplo.

I 3 principali poli turistici estivi sono il Monte Bianco, con Courmayeur in primis, il Gran Paradiso, dove grande importanza è rivestita dalle valli del Parco Nazionale e da Cogne, e infine l’area del Monte Rosa; per contro il Centro Valle soffre una minor presenza di turisti nei mesi estivi 2015 rispetto alle altre zone.


La motivazione dei turisti e la soddisfazione degli stessi non sono però gli unici elementi oggetto dell’indagine. Altri capisaldi su cui si fonda la stessa sono:



  • Indagine operatori turistici: interviste dirette a 275 gestori di strutture ricettive, rappresentativi di ogni tipologia, categoria e di ciascuno dei 7 comprensori turistici valdostani

  • Analisi Brand Reputation: analisi delle 60 principali attività da svolgerein Valle d’Aosta (15.041 recensioni, di cui 6.514 scritte nell’ultimo anno e 2.774 nell’ultima estate)

  • Analisi Attività Culturali: analisi delle 75 principali attività culturali presenti in Valle d’Aosta con riguardo alla Brand Reputation, alle caratteristiche strutturali dei siti web e all’attività di promozione effettuata sui social network

  • Analisi Online Travel Agencies: analisi delle strategie di vendita online di un campione di strutture ricettive


Analisi dei dati


Aumenta in estate rispetto alal stagione la percentuale delle coppie che frequentano la Valle.
Nonostante l’86% delle persone dichiari dipraticare sport nel corso della vacanza le attività maggiormente svolte sono semplici passeggiate (72,4%).
Il target estivo sembra inoltre essere piuttosto fidelizzato alla stagione. Il 78% dei turisti dichiara di essere già stato in Valle d’Aosta e, sebbene la maggioranza degli ospiti affermi di aver soggiornato anche in altre stagioni, il numero di visite più elevato si registra proprio tra giungo e settembre.


Le attività culturali riscuotono un discreto interessamentoda parte dei turisti: più di 6 ospiti su 10 dichiarano infatti di aver visitato almeno un sito culturale e la maggior parte di questi (84%) lo ha fatto per interesse specifico e non come attività di ripiego.


La maggioranza dei turisti si ritiene complessivamente molto soddisfatto della vacanza estiva, ancora di più rispetto all’inverno: tra una stagione e l’altra il voto mediopassa da 7,6 a 8,77.
(re.newsvda.it)


 


 


 


 

Aosta: Marché Vert Noel per un Natale a 360 gradi

Il Marché Vert Noel cresce ancora. In dimensioni - «tre livelli e non più due», ha detto l'assessore regionale al Turismo, Aurelio Marguerettaz in conferenza stampa questa mattina - e in proposta, «perché con il "Non solo Marché" viene coinvolta tutta la città con la sua straordinaria offerta culturale ed enogastronomica». Nel terzo livello troverà posto uno chalet istituzionale della Regione, che costituirà un punto di promozione del territorio, con materiale cartaceo e video e sarà il punto di partenza di tutte le visite culturali organizzate nel capoluogo grazie alla collaborazione della guide turistiche valdostane. La sinergia tra assessorati al Turismo, Alla Cultuta, all'Agricoltura e alle Attività produttive, comune di Aosta, commercianti e Chambre sembra poter essere la carta vincente dell'offerta di quest'anno «di un mercatino che è tra i più belli d'Italia e d'Europa, perché inserito in un contesto storico unico e perché intende valorizzare le tradizioni locali, senza scimmiottare mercatini che hanno tradizioni differenti perché probabilmente facendolo saremmo perdenti», ha concluso Marguerettaz.
Inaugurazione venerdì 25 novembre alle 21, «con gli espositori che, nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, esibiranno un nastro bianco per porre l'accento sull'importante ricorrenza», ha ricordato l'assessora regionale alla Cultura, Emily Rini.
Allestimento curato dall'assessorato regionale all'Agricoltura, «i cui addetti si sono impegnati tantissimo per offrire qualcosa di coinvolgente», ha detto la vice sindaca di Aosta, Antonella Marcoz - nel poi mettere in rilievo e ringraziare l'estro di Silvano Secco.


Il Marché Vert Noel


Saranno 56 gli chalet, di cui 48 di operatori, 4 istituzionali e altrettanti di enti partner. All'interno dell'area del Teatro ci sarà il villaggio alpino. Le produzioni artigianali esposte comprendono non solo una varietà di oggettistica artigianale, ma anche prodotti della tradizione enogastronomica valdostana «come per esempio la Fontina Dop d'Alpage, che si potrà trovare sia al Marché che nei negozi, ristoranti e alberghi che aderiscono all'iniziativa», ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura, Renzo Testolin. Prodotti esposti che Pierantonio Genestrone, presidenet Confcommercio vorrebbe «di sola provenienza valdostana».


...Non solo Marché


E' un insieme di iniziative pensato per vivere la città a 360 gradi con l’intento di coinvolgere tutto il territorio, così da creare nel capoluogo l’atmosfera natalizia in grado di abbracciare la città e le sue attività, oltre che arricchire l’offerta turistica durante il periodo di apertura dei mercatini natalizi.
Sarà realizzato un concorso a premi per la migliore vetrina natalizia della città e saranno promossi i prodotti dell'enogastronomia attraverso assaggi, aperitivi e menù tipici, con tanto di premiazione del miglior abbinamento vino/prodotto.
Per quanto riguarda l'aspetto culturale, è stato previsto un ricco programma culturale, che sarà veicolato sia presso lo chalet istituzionale che per il tramite dell’Office régional du Tourisme, con visite guidate ai vari siti di maggior interesse regionale: da Aosta romana ai castelli medievali per finire con l’Area megalitica. Per favorire, in particolare, la visita all’Area megalitica di Saint-Martin de Corléans, grazie alla collaborazione con la Svap, le linee 3 e 8 onsentiranno ai visitatori di raggiungere il sito archeologico. Per l’occasione è stata predisposta la scritta sul bus “Area Megalitica”, così da render più visibile e agevole l’utilizzo del trasporto.


Appuntamenti clou


- 25 novembre ore 21: inaugurazione
- 8-9 dicembre: Aosta Blues & Soul
- 8 dicembre: concerti itineranti per la città dalle ore 15 alle 18 in Piazza Chanoux, Arco d’Augusto, Porta Praetoria,                     Croce di Città. Celebrazione dell’avvio della stagione invernale con sfilata degli atleti Asiva e dei                             maestri di sci lungo le vie del centro e arrivo in Piazza Chanoux.
- 9 dicembre: concerti itineranti dalle ore 15 alle ore 18 in Piazza Chanoux, Arco d’Augusto, Porta Praetoria e Croce                     di Città. Concerto-evento serale dalle ore 18 alle 21 in Piazza Chanoux.
- 31 dicembre: Capodanno. Ore 22.30 artisti dell’illusionismo e della magia di strada si avvicenderanno su due                           palchi posizionati in Piazza Chanoux: escapologisti, maghi, jugglers e performers si mescoleranno                         alla folla trasformando la piazza in un luogo di magia e divertimento. 
                    Ore 23.30: un Dj set dal balcone del municipio “accompagnerà” la città al brindisi di mezzanotte,                           dopodiché la piazza si trasformerà in una grande discoteca all’aperto dove le hit del momento si                             susseguiranno ai pezzi classici che hanno fatto la storia della musica.


(re.newsvda.it)


 

Courmayeur punta alle 20 top destination mondiali

L'obiettivo è chiaro e lo ha comunicato Andrea Baccuini, coordinatore del progetto per il nuovo volto di Courmayeur: «diventare una delle top destination del mondo per i prossimi 20 anni». Questa la "commissione" affidatagli dal sindaco Fabrizia Derriard sul palco del Teatro Vetra, a Milano, per parlare del futuro del suo paese affrontato «con entusiasmo e passione, guardando sempre avanti». Come ha sottolineato Baccuini, intervistato da Lucilla Agosti che ha condotto l'unconventional press conference event di oggi a mezzogiorno, «c'è chi fa e chi fa la differenza», e, ovviamente, Courmayeur ha scelto di fare la differenza. 


Le novità 


Tre i brand che accompagneranno la località nel suo percorso di cambiamento: Maserati, con la quale il Comune aveva già una collaborazione lo scorso anno, American Express, shopping partner, e  Cantine Ferrari Trento, con la partecipazione di Maxima, azienda specializzata nell'arredo urbano che creerà, fisicamente, il nuovo volto del paese. Un percorso rivolto ai mercati internazionali, dunque, e che parla inglese, a partire dalle tre parole chiave del progettto: Understanding, Challenge e Change. Capire i punti di forza, conoscere il territorio e le persone per definire la sfida, e cioè come Courmayeur sarà capace di raccontarsi al mondo, producendo un cambiamento fondamentale sul suo modo di essere. Courmayeur ha, a partire da oggi, uno slogan "Enjoying Italy at its Peak" e un nuovo logo dal lettering dinamico -ma dal sapore vintage- che riprende visivamente il profilo del Monte Bianco con linee essenziali che vogliono darne massima riconoscibilità e carattere. Da oggi Courmayeur vuole iniziare il suo nuovo percorso nel mondo.
(erika david)


 

Green Day: viale Conte Crotti VERDE per riaccogliere gli alberi

Promuovere una cultura ecologica, partendo dal rispetto dell'ambiente, fino ad arrivare a una sana alimentazione, coronando il tutto con la valorizzazione di una zona della città, festeggiare la piantumazione di 25 nuovi alberi e cominciare il lavoro di promozione dell'Area Megalitica. Ci sono tutti questi ingredienti in Green Day, l'iniziativa promossa da Forte di Bard, Regione, comune di Aosta e nata dall'idea dell'associazione Centro commerciale naturale Viale Conte Crotti, che andrà in scena nella giornata di domenica 13 novembre, con anche l'apporto di IAR, Fondazione Ollignan e IPRA di Châtillon. Una giornata intensa, che si aprirà alle 10.45 con il giro della banda municipale, la cerimonia di piantumazione degli alberi, per poi lasciare spazio al particolare green lunch (con pasti a "km zero" portati da casa o consumati nel punto ristoro), ai Green Talks (momenti di confronto su diverse tematiche green) e all'aperitivo green.


Green Day all'insegna della sinergia


«Questo è un esempio di sinergia tra i vari assessorati coinvolti, il comune di Aosta, il Forte di Bard, la Chambre e l'associazione commericanti di viale Conte Crotti - ricorda l'assessore alla Sanità Laurent Viérin -. Da questa nasce una manifestazione che vuole far rivivere un pezzo di città, lanciando al contempo un messaggio educativo alla cittadinanza, lavorando sulla promozione di stili di vita sostenibili. L'importante è che questo messaggio abbia valenza nel tempo e non si esaurisca con la manifestazione».


Grandi interventi su viale Conte Crotti


«Crediamo da sempre nelle potenzialità di questo quartiere - spiega la vice sindaco di Aosta Antonella Marcoz - e l'abbiamo dimostrato investendo circa 100 mila euro per sostituire l'illuminazione (ora a led), riqualificare gli spartitraffico e, grazie al vivaio dell'assessorato all'Agricoltura, finalmente potremo sostituire i vecchi alberi rimossi con 25 sorbi svedesi. Ci scusiamo per il disagio apportato a residenti e commercianti, ma credo che il risultato ripaghi gli sforzi».


L'esempio del giusto connubio pubblico-privato


Riscontra aspetti confortanti il presidente della Chambre Nicola Rosset: «Il coinvolgimento di enti pubblici e di un'intera via che si mette in gioco proponendo un'iniziativa che va nella direzione di sinergia che abbiamo sempre auspicato - sottolinea Rosset -. Inoltre, questa iniziativa va nella direzione che abbiamo indicato già nel 2013: la green economy può essere un atout importante per la nostra Regione». Rosset, inoltre, anticipa come viale Conte Crotti sarà la prima zona in cui sarà installata l'innovativa rastrelliera Sonaille, progettata dall'architetto Maurizio Gontier, che aveva vinto il concorso legato alla Giornata dell'artigiano.


L'impegno dell'associazione commercianti


«E' da 18 anni che cerchiamo di funzionare al meglio e di trovare sinergie con l'amministrazione comunale - esclama il presidente dell'associazione commercianti viale Conte Crotti Giovanni Girardini -. Questo schieramento di forze mi spiazza, è quello che cercavamo da sempre per riqualificare il quartiere e per dare risposte non solo agli esercenti, ma anche agli abitanti della via». L'Area Megalitica nelle vicinanze sarà un ulteriore motivo di crescita. «E' il gioiello che può farci fare il salto di qualità - conferma Girardini -. Ci darà visibilità, ma anche noi dobbiamo darci da fare, per questo 60 esercenti hanno partecipato a un corso di formazione nel sito archeologico: così sapremo accogliere e trasmettere entusiasmo ai turisti».


Il programma


Come detto, il Green Day si aprirà domenica 13 novembre (verrà spostato al 20 in caso di maltempo) con l'esibizione della banda musicale alle 10.45. Alle 11.15 si svolgerà la cerimonia di piantumazione delle 25 nuove piante che faranno bella mostra di sé nella via, prima di lasciare spazio all'intervento scientifico di Luca Mercalli e all'apertura dei "mercatini green". Particolare sarà il Green lunch, che comincerà alle 12.30. I partecipanti potranno scegliere se portarsi il necessario da casa (puntando su pietanze a km zero e stoviglie green, con tanto di premio alla miglior ricetta e al miglior "addobbo") o utilizzare i punti ristoro (con prodotti tipici messi a disposizione dalla Chambre). Alle 14.30 cominceranno i Green Talks (con tanto di animazioni per bambini per consentire ai genitori di seguire le conferenze) e il tutto si concluderà con l'aperitivo green, offerto dai diversi esercizi.


(alessandro bianchet)

Turismo: progetto transfrontaliero per 'turisti senza frontiere'

Un tour per 'turisti senza frontiere', un'idea per rilanciare il turismo itinerante estivo, per fare conoscere le tre valli ad automobilisti, motociclisti e a coloro che viaggiano con gli autobus organizzati, perchè possano scoprire la varietà e ricchezza in termini di paesaggio e di offerta culturale.


E' il progetto transfrontaliero al quale stanno lavorando le associazioni degli albergatori di Valle d'Aosta, Umich Savoia e Alta Savoia e Hôtellerie Suisse Romande che lunedì, su invio dei professionisti dell'ospitalità di casa nostra, si sono incontrati a Courmayeur, per una giornata di confronto e approfondimento su temi comuni e 'urgenti' quali l'abusivismo, la tassa di soggiorno, le licenze per la somministrazione di bevande, la regolamentazione di booking.com


Dopo aver visitato la funivia del Monte Bianco, la salita alla terrazza panoramica e la visita al nuovo rifugio Torino, i rappresentanti delle tre associazioni si sono ritrovati nella sala della Cave du Vin Blanc, alla stazione intermedia del Pavillon. 


Il presidente Adava Filippo Gérard ha introdotto la riunione parlando di abusivismo, tema che ha particolarmente impegnato l'associazione negli ultimi tempi; «il fenomeno degli affitti turistici praticati da soggetti che sfuggono agli adempimenti della legge sta assumendo una dimensione preoccupante; nel 2015, gli alloggi 'messi in vendita' su Airbnb erano 1073; oggi sono 1382. Un vero e proprio business dell'accoglienza e non di un'attività occasionale o esperienza di sharing economy». Il problema riguarda anche Savoia e Alta Savoia. Ha spiegato il presidente Umich Savoia e Alta Savoia Roger Machet: «anche noi stiamo facendo un lavoro imortante per regolamentare il settore, in particolare chiedendo di applicare la tassa di soggiorno a chi affitta gli alloggi; l'idea potrebbe essere anche quella di negoziare un forfait per la tassa di soggiorno con Airbnb, secondo noi è sufficiente che gli appartamenti in vendita sui portali rispettino le stesse regole cui siamo soggetti noi imprenditori dell'ospitalità».  


Philippe Thuner dell'Hôtellerie Suisse Romande concorda; «nel 2016, da noi si contano più di duemila abusivi, sono veri e propri clandestini, nessuno di loro paga la tassa di soggiorno né le imposte fiscali e per questo motivo stiamo chiedendo di farli uscire allos coperto e di istituire un registro in cui chiunque decida di offrire ospitalità lo possa fare, ma in piena trasparenza e nel rispetto della legge». Gli operatori dell'ospitalità si sono dati appuntamento in Val d'Isère il prossimo aprile. Nella foto, i rappresentanti degli albergatori di Valle d'Aosta, Francia e Svizzera nella sala della Cave du Vin Blanc alla stazione intermedia del Pavillon.  (re.newsvda.it)

Tradizioni: festa del pane nero, 60 forni accesi in 52 comuni valdostani

Forni accesi oggi, sabato 15 ottobre, in 52 comuni valdostani per la prima edizione della festa transfrontaliera Lo Pan Ner - I pani delle Alpi, che quest'anno, forte del successo dell'edizione numero zero del 2015, allarga i suoi orizzonti coinvolgendo la regione Lombardia e Val Paschiavo, nel Cantone dei Grigioni


Nei comuni sono stati organizzati diversi eventi collaterali, laboratori per bambini, animazioni, intrattenimenti musicali per allietare la festa intorno ai forni dei villaggi. 


Domani, domenica 16, la festa si sposterà in piazza Chanoux, dove, in concomitanza con la 11ª Giornata Mondiale del Pane, il tipico pane di segale e le versioni dolci della tradizione, saranno celebrate con un momento di festa e degustazione e con una conversazione sul tema 'Le civiltà del pane', al quale parteciperà il Maestro Pasticciere Iginio Massari, fondatorre dell'Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani (ore 18 al teatro Splendor). 


In piazza Chanoux, alle 16, saranno premiati la fotografia più rappresentativa della festa, il miglior pane nero preparato dai forni dei villaggi e il miglior pane dolce, oltre al miglior pane della nuova tradizione preparato dai panificatori professionisti. 

Dopo la conversazione sul pane, alla quale parteciperà anche Armando Guerini, vincitore del concorso 'Spiga d'oro' Expo 2015, si terrà una degustazione di pani dolci della tradizione con la collaborazione di Slow Food. 

Il programma, le animazioni e i laboratori nel dettaglio, sul sito
www.lopanner.com.

Nella foto, gli Amis de la micooula, alle prese con la prima infornata (foto FB Amis de la micooula di Hône)

Terremoto: 20 mila bigné in piazza Chanoux per Amatrice

«Nessun record questa volta, se non quello di beneficenza». E' chiaro l'obiettivo di 20 mila bigné per Amatrice, l'evento organizzato per domenica 23 ottobre in piazza Chanoux, per raccogliere fondi da destinare alla popolazione di Amatrice colpita dal terribile sisma dello scorso 24 agosto. In cabina di regia, ancora una volta, Luciano Pica, che ha raccolto i suoi amici pasticceri e, grazie all'appoggio di Confcommercio Valle d'Aosta, ha messo in piedi l'ennesima iniziativa a scopo benefico. Ben 1.700 uova, 150 chili di panna, 30 kg di crema pasticcera, 30 kg di farina, margarina e zucchero: questi gli ingredienti che consentiranno di creare una distesa di bigné da 30-40 metri, che sarà posizionata sotto i portici di piazza Chanoux, grazie alla grande opera di Paolo Surini della Pasticceria La Golosa, Giorgio De Santis (Pasticceria De Santis di via Roma), Giuseppe Dodaro (pasticceria Dodaro di via Festaz), Claudio Chenal (pasticceria Chenal di viale Conte Crotti) e Stefano Marchesin (Bar Davit via Sant'Anselmo) e a decine di volontari.


L'idea


«Tutti gli anni Luciano Pica raduna i suoi amici pasticceri per mettere in piedi un evento benefico - spiega il vice presidente di Confcommercio Giuseppe Sagaria -. Un mese fa è venuta l'idea di aiutare questi nostri connazionali e questo bellissimo paese, che speriamo possa tornare agli splendori di un tempo. Appoggiamo l'iniziativa molto volentieri e ora capiremo quale sarà il modo migliore per far pervenire i fondi raccolti direttamente alla popolazione, magari appoggiandoci alla Confcommercio di Rieti».


I precedenti


«Speriamo in una montagna di gente - esclama il promotore dell'iniziativa, Luciano Pica -, ma sappiamo che il cuore dei valdostani è sempre molto generoso. Con la crostata del 2015, ad esempio, raccogliemmo 25 mila euro e 7.400 lo scorso febbraio con un'altra costata, ma solamente nel giro di un'ora e mezza prima che il maltempo avesse la meglio. Dalle 9 del mattino distribuiremo dei vasoietti di 5-6 bignole, con un'offerta minima di 5 euro: speriamo di fare il record».


I preparativi


«Prepareremo 20 mila bignole nella mattinata di sabato nei diversi laboratori - racconta Stefano Surini de La Golosa -. Al mattino cominceremo con la realizzazione dei gusci, che porteremo poi per essere riempiti nella mensa della scuola Regina Maria Adelaide di Aosta. Qui pasticceri e volontari riempiranno i bigné, prima di portarli, sabato notte, in piazza con un camion frigo. Le posizioneremo sui tavoli e poi copriremo tutto con cioccolato».
Insomma, golosi e non sono avvisati, la beneficenza chiama, vedremo se Aosta risponderà come in passato.


(al.bi.)


 

Skyway Cocktail Competition, vince ancora una donna

Dopo Denise Elisei tocca a Iuliana Socia siglare l'albo d'oro della Skyway Cocktail Competion, il concorso per bartender più alto d'Europa giunto alla seconda edizione. La barlady de Il Golosone di Champoluc ha convinto la giuria con il suo Skyway 2016 a base di genepy, vodka orange, succo limone fresco, sciroppo di fragola, spremuta di mandarino fresco e sciroppo di zucchero, preparato nello shaker e servito in bicchiere con ghiaccio con decorazioni di alkekengi, cetriolo e ribes.  Cinquanta barman e barlady hanno partecipato, mercoledì 12 ottobre, al concorso  organizzato da ABI professional (Associazione Barman Italiani), in collaborazione con le distillerie Alpe, Cortese, Savio, La Valdotaine, Vertosan e Saint Roch. Gli specialisti dello shaker dovevano preparare due ricette utilizzando génépy e gin di montagna. «Il génépy e il gin di montagna sono due prodotti delle Alpi italiane che negli ultimi anni sono stati riscoperti e valorizzati - commenta  Ernesto Molteni, presidente ABI Professional -. Questa manifestazione ha il compito non solo di farli conoscere ma anche di mostrare come la loro qualità può essere esaltata grazie a esperienza e professionalità moltiplicandone gli utilizzi. Ad esempio, se prima questi due prodotti erano riconosciuti soprattutto come ottimi digestivi, oggi le numerose creazioni dei barman provano che possono essere utilizzati come ingredienti di bevande adatte ad ogni situazione».
 (re.vdanews.it)

Show, in pigiama con Mika

 Pigiama party al Teatro Romano? Fatto! Anche la Valle d’Aosta farà parte di Stasera #CasaMika, il nuovo programma televisivo di Mika, noto cantautore libanese, che sarà trasmesso su Rai2 da martedì 8 novembre. Proprio ieri, mercoledì 12 ottobre, la popolazione valdostana è stata chiamata a partecipare all’iniziativa, ad un solo patto: presentarsi con il miglior pigiama in possesso. Così, una lunghissima fila di fans (circa 350 a fronte di oltre 400 richieste) si è presentata vestita a tema sul set naturalistico del Teatro Romano, ed ha partecipato attivamente alle riprese del video che sono state ambientate all’interno di una vera e propria scenografia da pigiama party. Le comparse, una volta entrare all’interno del set, sono state chiamate a ballare e ballare ripetutamente sulle note del noto brano “I Will Survive”; dopo tre prove di ballo Mika ha fatto il suo ingresso al Teatro in pigiama, ed è iniziata la registrazione: il cantautore si sveglia circondato dalle moltissime comparse e… via alla festa! Sono stati minuti di sorrisi, felicità e divertimento per i fans, che non hanno mancato di lanciare cuscini e pupazzetti verso la fine del brano. Molti quelli che hanno voluto partecipare attivamente all’evento e quelli che hanno voluto aspettare la star musicale fuori dall’hotel dove alloggiava, per una foto ed un autografo tanto sperati dopo ore di attesa alle fredde temperature della nostra cittadina.
(carol di vito)


 

Turismo, prorogato il bando sulle case cantoniere

È stato prorogato alle 12 del 15 novembre 2016, «per favorire la massima partecipazione» il termine per presentare le offerte di partecipazione al bando di riconversione di alcune case cantoniere in strutture turistico-ricettive. 
«Anas ha accolto con soddisfazione il forte interesse sul bando per questo primo progetto pilota ed ha quindi risposto positivamente alle richieste di proroga al fine di favorire la massima partecipazione alla gara alla luce anche delle numerose richieste pervenute e tenuto conto dell’innovatività dell’iniziativa» scrive l'ente in una nota.
Il progetto coinvolge 30 strutture su tutto il territorio italiano, cinque quelle in Valle d'Aosta:le due case di La Thuile, la casa cantoniera di Saint-Rhémy-en-Bosses, quella di Pré-Saint-Didier e quella di Verrès


Il progetto


Il progetto punta a trasformare le inconfondibile case rosse dell'Anas in ostelli, ciclo-officine, ristori e punti di informazione turistica«Sono entrate a far parte della prima fase del progetto di riqualificazione quelle case che, anche grazie alla collocazione geografica, hanno potenzialità per sviluppare servizi sinergici con i piani di valorizzazione turistico-culturale del territorio - spiega l'Anas -. L'obiettivo del progetto pilota è aumentare i servizi al cliente stradale, sviluppando un brand associabile a concetti di autenticità, genuinità e legame con il territorio, con grande attenzione alla sostenibilità ambientale, all'efficienza energetica, alla sicurezza e all'innovazione tecnologica delle infrastrutture. E ancora: promuovere l'identità territoriale evidenziando le unicità del patrimonio locale».


Il bando


La ristrutturazione dell'immobile sarà a carico di Anas mentre il concessionario avrà il compito di sviluppare attività imprenditoriali in coerenza con le linee guida del bando, garantendo i servizi base definiti: pernottamento, bar e ristoro, free wi-fi, postazioni di ricerca per i veicoli elettrici e info point di informazione turistica.
Il bando di gara è rivolto a start-up, singoli imprenditori, consorzi, aziende, associazioni, cooperative: ai fini dell'aggiudicazione conterà la capacità di sviluppare un progetto economicamente sostenibile e coerente con le finalità del modello proposto da Anas.
L'obiettivo è aprire la prima casa cantoniera a giugno 2017.
Info
www.casecantoniere.it.
In foto la casa cantoniera di Pré-Saint-Didier
(e.d.)


 

Aosta: la Giornata dell'Artigiano invade Piazza Chanoux

Ma quanto sono bravi. Giornata dell'artigiano. Questo il titolo scelto da CNA, Confartigianato e Ordine degli architetti per la manifestazione che, sabato 8 ottobre dalle 10 alle 17, radunerà in piazza Chanoux oltre 40 realtà dell'artigianato produttivo della nostra regione, per mette in mostra «cosa la nostra Regione è in grado di fare». «Vogliamo portare un messaggio di speranza - spiega Aldo Zappaterra, segretario di Confartigianato VdA -, ma vogliamo anche dire ai giovani che non basta studiare, è utile anche imparare un mestiere, visto che per il futuro non ci sono più tanti posti dietro le scrivanie».


Con queste premesse, piazza Chanoux sarà invasa da laboratori didattici, cantieri evento, officine e altre dimostrazioni, che faranno vedere ai partecipanti come lavorano falegnami, meccanici, operatori del benessere, ma anche grafici e stampatori.


Portiamo alla luce i problemi


«L'idea è nata dall'esigenza di valorizzare e celebrare il mondo della piccola impresa - spiega il presidente di CNA Salvatore Addario -, visto che è raro considerare meccanici, impiantisti o operatori estetici quando si parla di artigiani. Di solito si tende a privilegiare l'artigianato di tradizione, ma è quello produttivo che fa crescere il Pil e che deve affrontare problematiche legate a burocrazia, normative cervellotiche ed elevata tassazione, tutti motivi che rischiano di avvantaggiare più chi è bravo a far di conto che non a lavorare». Addario ne approfitta per una frecciata: «I bandi per gli appalti pubblici, poi, sono penalizzanti, perché spesso favoriscono solamente le offerte economicamente più vantaggiose - continua -, penalizzando così la qualità e il servizio». 


Portiamo in piazza chi produce


«Così completiamo le manifestazioni del territorio - dice Aldo Zappaterra, parlando di una giornata per cui era stato inizialmente stanziato un budget di 50 mila euro, ma che si cercherà di far rientrare nei 25 mila euro -. In questo modo faremo sfilare anche chi produce realmente, che normalmente è nascosto al pubblico, sperando che diventi un appuntamento fisso. Ci servirà per far vedere cosa il nostro territorio è in grado di fare, mandando al contempo un messaggio: tutti vedono nero, dicono che non funziona niente, ma ci sono tante persone che lavorano e hanno voglia di dimostrare le proprie abilità».


L'importanza di fare rete


Al fianco degli artigiani ci sarà anche la Chambre, supportata da Valfidi, BCCV, Cnosfap, Ebava e Comune di Aosta. «Il rilancio dell'artigianato è una nostra priorità - esclama il presidente della Chambre Nicola Rosset -, per questo ci teniamo a che si metta in mostra e possa togliere alle persone pregiudizi che ancora persistono. Gli aritigiani hanno una grande capacità produttiva, tecnologica, di sviluppo e di guardare all'estero, soprattutto a un mercato ricco come quello della Svizzera, cui ci stiamo rivolgendo con sempre maggiore attenzione dopo l'accordo con la Chambre di Sion. Vedo tante forze insieme: è fondamentale fare rete, magari arrivando a unire tutte le tipicità valdostane».


Architetti in concorso: un portabici con pannello solare


La giornata di sabato sarà anche l'occasione per presentare il portabiciclette con pannello solare "Sonaille", realizzato dall'architetto di Aymavilles Maurizio Gontier, il più bravo nel concretizzare un progetto che realizzasse un elemento di arredo urbano, che rispondesse a caratteristiche di modularità, adattamento all'ambito urbano e montano, la libertà dei materiali e la garanzia di custodia della bici. «Inoltre doveva essere un elemento innovativo e realizzabile nelle otto ore tipiche di una giornata - conclude Luciano Bonetti, consigliere dell'Ordine degli Architetti -. Il progetto di Gontier risponde a tutte queste caratteristiche, compresa la possibilità di essere ubicato anche in ambiente alpino: vedremo in piazza la realizzazione dell'opera, che ha garantito al vincitore un premio di 1.500 euro».


(alessandro bianchet)

Batailles, ad Aosta due giorni di combats

Due giorni di combats - sabato 22 e domenica 23 ottobre - all'Arena della Croix, ad Aosta, con la quinta edizione del Combat Espace Mont-Blanc e la cinquantanovesima della finale regione delle Batailles de reines. L'evento è stato presentato questa mattina all'assessorato regionale all'Agricoltura, a Saint-Christophe, alla presenza, oltre che degli organizzatori italiani e delle autorità politiche, anche i rappresentanti di Savoia e Vallese membri del Comitato dell'Espace, rispettivamente Patrick Ancey e Alain Alter, e l'allevatore savoiardo Christophe Cloitre, il quale con Tracy lo scorso hanno è riuscito a interrompere l'egemonia valdostana.


Il programma


Ricco il programma. «Le vaches dell'Espace arriveranno mercoledì 19, venerdì è in programma una conferenza e sabato sera una promenade ad Aosta con degustazione di prodotti tipici - annuncia Roberto Bonin, vice presidente dell'Associazione regionale Amis des Batailles de Reines -. Sabato 22 dalle 9 apertura dell'Arena, cui seguiranno diverse animazioni e il pranzo alle 12,30 con prodotti Aop valdostani, vallesi e savoiardi in collaborazione con l'Unione Cuochi Italiana della Valle d'Aosta e la Vival. Alle 14,30 l'inizio dei combattimenti. Domenica, invece, apertura dell'Arena alle 8, alle 10 l'apertura del mercato di prodotti agricoli e tipici e a seguire i combattimenti della Finale regionale». Sia per il presidente dell'Association régionale Amis Batailles de reines, Pino Balicco che per i suoi colleghi d'oltralpe, «il Combat dell'Espace Mont-Blanc è stata l'occasione in questi anni di di scambi commerciali, di farci conoscere a un pubblico che diversamente non avrebbe avuto modo di poter apprezzare i nostri prodotti e di conoscere persone con le quali ci si è potuti confrontare e stringere amicizie durature». Per l'assessore regionale all'Agricoltura, Renzo Testolin, 'Espace Mont-Blanc «è una competizione importante per tre motivi: sociale, di promozione di prodotti e che guarda al futuro attraverso la ricerca di collaborazioni e progetti condivisi». Il presidente della Regione, Augusto Rollandin pone l'accento sull'«importanza degli scambia commerciali tra le tre regioni, che ancora oggi non sono così sviluppati come dovrebbero visto che l'Espace Mont-Blanc - iniziativa di cooperazione transfrontaliera, ndr - sta per compiere 25 anni. Questa competizione è qualcosa di concreto all'interno di un Espace Mont-Blanc che al momento è più negli intenti che nei fatti».
(l.m.)


Archivio storico notizie


torna a inizio pagina

<p>AMICHE PER MANO</p>

<p>HIDROVI</p>

<p>VALCOLOR</p>

Casinň, si mette male

Nel 2014 il piano di riorganizzazione dell'allora amministratore unico Luca Frigerio ricevette una bordata di pernacchie. Lo stesso dirigente fu messo alla porta dalla politica. Adesso un piano simile viene riproposto, pare questa volta senza appello. Senza margini di trattativa. Perché è quello di cui ha bisogno la società [...]

leggi tutto e commenta

<p>Farmacia Envers 2</p>

<p>Engaz - Arte del legno s.r.l. | Fraz. Champagne, 55 11020 Verrayes (AO) Italy | Tel. +39 0166 54 68 02 | Fax +39 0166 54 66 21</p>

Gli speciali di Gazzetta Matin

Periodicamente Gazzetta Matin dedica parte dell'edizione cartacea settimanale, per approfondire un argomento, con notizie, interviste, pubblicitŕ e redazionali.

GUARDA L'ULTIMO SPECIALE DI GAZZETTA MATIN

<p>Carrefour SSC</p>

<p>Tecnoserramenti</p>







NEWSVDA.IT
LA VALLE D'AOSTA NEL MONDO
Quotidiano online
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 8/2012
Autorizzazione del 13/12/2012
www.newsvda.it

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA


Gazzetta Matin TOUSLESJOURS, notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani online, notizie Aosta

Settimanale del lunedì
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/2002
Autorizzazione del 20/05/2002

Redazione:
Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta
Tel: 0165/231711 - Fax: 0165/1820141
Mail: segreteria@gazzettamatin.com
www.gazzettamatin.com

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA




Direttore responsabile Luca Mercantil.mercanti@gazzettamatin.com
Redazione
Alessandro Biancheta.bianchet@gazzettamatin.com
Danila Chenald.chenal@gazzettamatin.com
Erika Davide.david@gazzettamatin.com
Davide Pellegrinod.pellegrino@gazzettamatin.com
Cinzia Timpanoc.timpano@gazzettamatin.com
Patrick Barmassep.barmasse@gazzettamatin.com
Segreteria Roberta Prodotisegreteria@gazzettamatin.com




Concessionaria di pubblicitÀ
ADV Pubblicitŕ e marketing, concessonaria per la pubblicitŕ su settimanale Gazzetta Matin e sul sito internet newsvda.comLG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA
Tel: 0165.231711
Fax: 0165.1820141
E-mail segreteria@lgpresse.com

Responsabile di agenzia Arianna Gori Chisari
E-mail a.chisari@lgpresse.com

Account Tiziana Frisont.frison@lgpresse.com Luca Torinol.torino@lgpresse.com



Collaboratori

Massimo Altini, Miriam Begliuomini, Marta Bonarelli, Michela Borgis, Riccardo Bortolotti, Alessandra Borre, Elisa Bosc, Federica Boscardin, Nadia Camposaragna, Paolo Ciambi, Cristina Compagnoni, Silvia Costa, Alexis Courthoud, Mathieu Courthoud, Elettra Crocetti, Camilla Di Tommaso, Carol Di Vito, Dimitri Dufour, Christian Evaspasiano, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Sofia Fregnani, Giulio Gasperini, Michael Ghignone, Francesca Jaccod,Cecilia Lazzarotto, Elaine Lunghini, Mariarosa Magro, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Carlotta Maquignaz, Teresa Marchese, Federico Mecca, Stefano Meroni, Miriam Nex, Danilo Nicod, Franco Ormea, Simonetta Padalino, Margherita Pellegrino, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Mattia Pramotton, Martina Praz, Valeria Quaglino, Nicola Rolland, Valentina Romagnoli, Raffaele Romano, Jacopo Romei, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Luca Sanseverino, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Sara Sergi, Piera Squillia, Andrea Trovato, Laura Vinaj, Salim Znaidi