<p>Farmacia Enversdeux</p>
Notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani e notizie aosta
Meteo Valle d'Aosta

Consiglio Aosta: la mossa di Girasole e Caminiti finisce in una bolla di sapone

L'ordine del giorno che chiedeva alla Giunta di rinunciare alle Regionali o di dimettersi per tempo in caso contrario, bollata come «farsa». Centoz: «rimango fino al 2020»

notizie Aosta da Gazzetta Matin

«Questi assessori sono ritenuti fondamentali per garantire la stabilità della vita amministrativa del Comune? Bene, allora dichiarino che non si candideranno per le Regionali o, in alternativa, che rassegnino le dimissioni entro il termine ultimo per l'ufficializzazione delle liste elettorali e chiedano scusa ai cittadini per la loro incoerenza politica».


Questo il succo dell'ordine del giorno (tradotto in impegno politico), emendato su richiesta di Pietro Verducci del PD (bocciati emendamenti richiesti da Josette Borre ed Etienne Andrione che richiedevano di estendere il riferimento a tutti i consiglieri), presentato da Luca Girasole di Epav e da Vincenzo Caminiti dell'Uv.


Ordine del giorno che, però, finisce in un nulla di fatto e, addirittura, viene bollato come «farsa» da più parti della minoranza che, però, Andrione a parte, è voluta ad andare a vedere il bluff, non riuscendo ad arrivare oltre i 13 voti favorevoli (tra cui spiccano quelli di Andrea Paron, e Antonio Crea, oltre ad Alpe, Girasole, Dosio, M5S, Lega, Verducci e Caminiti). contro le 13 astensioni e i 2 voti contrari.


L'ordine del giorno


Il consigliere di Epav, Girasole, ha giustificato l'iniziativa come «una garanzia di stabilità», visto che il sindaco, anche dopo «il ribaltino in Regione» ha continuato a dichiarare che «la stabilità amministrativa è legata indissolubilmente a quella politica». Da qui la richiesta di rispettare il mandato fino al 2020 per tutta la Giunta e in alternativa, «di dimostrare coerenza e dimettersi tre mesi prima delle elezioni» con tanto di scuse ai cittadini.


Vincenzo Caminiti (UV) ha confermato l'intenzione di «dare stabilità», perché «un assessore dovrebbe essere innamorato del proprio ruolo e non usarlo per fare campagna elettorale».


Centoz: «Avanti fino al 2020»


Il sindaco Fulvio Centoz ha dapprima accolto con entusiasmo l'ordine del giorno, confermando di voler «fare il sindaco fino al 2020», ma sottolineando che «la stabilità dell'azione non è legata alla presenza di una persona o di un'altra, ma all'appoggio dei partiti che sostengono la mia azione».


Il primo cittadino ha anche appoggiato l'idea di Josette Borreso che pensate che viva nel libro delle favole, ma credo davvero nell'importanza di questa iniziativa») ed Etienne Andrione di estendere l'impegnativa «morale» a tutto il consiglio comunale, per poi virare sull'astensione una volta venuta meno questa possibilità: «Così diventa una farsa, per questo mi astengo».


Su questo lo segue proprio Andrione, che conferma l'idea di un ordine del giorno «diventato farsa».


Idea condivisa da gran parte della minoranza, con Luca Lotto (M5S) a preannunciare un «ordine del giorno più trasparente», dopo aver riso per l'iniziativa presentata da «un movimento, l'UV, che ha voluto l'elezione diretta di sindaco e vice per evitare di tornare alle elezioni in caso di dimissioni del Sindaco per entrare in Regione». Carola Carpinello (Altra VdA) parla di «aria fritta» e una «discussione demenziale», con le iniziative della maggioranza «presentate solo per indebolire il sindaco; così però lo rendete martire e martirizzate la città. Basta, mettete fine allo scempio con una mozione di sfiducia».


Loris Sartore (Alpe) si schiera, come il movimento, a favore «perché sono curioso di sentire le pubbliche scuse», appoggiato da Andrea Manfrin (Lega), che attende «le scuse di chi ha iniziato a far campagna dal 2015».


Astensione per Delio Donzel


Sceglie la via dell'astensione l'assessore Delio Donzel (Epav), perché «ritengo che non si possano porre limiti alla volontà di candidarsi: per questo esistono già le norme di legge. Se qualcuno farà venire meno l'impegno, lo pagherà anche alle urne». In ultimo, chiude l'autore dell'emendamento Pietro Verducci: «Così avremmo potuto capire se molti assessori hanno la testa altrove. Questa iniziativa non destabilizza il sindaco, anzi, lo rinforza, perché ha ammesso che rimarrà qui ed è giusto che lo facciano anche gli altri».


(alessandro bianchet)

leggi tutti gli articoli di POLITICA & ECONOMIA







Per commentare le notizie: registrati gratis al sito gazzettamatin.com
 


Archivio storico notizie

<p>LG Presse Weekend</p>

<p>Peila Suzuki Nissan</p>

<p>Farmacia Envers 2</p>

Lavoro, infrastrutture, investimenti

"Lavoro, infrastrutture, investimenti". Sono le tre priorità dell'agenda sviluppo del governo Gentiloni. Il presidente del Consiglio dei ministri, il quale lunedì 27 ha incontrato i presidenti di Regione (compreso Pierluigi Marquis), ha ribadito la necessità di mettere in campo un quadro di politiche economiche "che consenta [...]

leggi tutto e commenta

<p>FIDAS VALLE D'AOSTA</p>

<p>HIDROVI</p>

Gli speciali di Gazzetta Matin

Periodicamente Gazzetta Matin dedica parte dell'edizione cartacea settimanale, per approfondire un argomento, con notizie, interviste, pubblicitŕ e redazionali.

GUARDA L'ULTIMO SPECIALE DI GAZZETTA MATIN

<p>Carrefour SSC</p>

<p>LIGABAR SETTEMBRE 2016</p>







NEWSVDA.IT
LA VALLE D'AOSTA NEL MONDO
Quotidiano online
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 8/2012
Autorizzazione del 13/12/2012
www.newsvda.it

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA


Gazzetta Matin TOUSLESJOURS, notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani online, notizie Aosta

Settimanale del lunedì
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/2002
Autorizzazione del 20/05/2002

Redazione:
Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta
Tel: 0165/231711 - Fax: 0165/1820141
Mail: segreteria@gazzettamatin.com
www.gazzettamatin.com

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA




Direttore responsabile Luca Mercantil.mercanti@gazzettamatin.com
Redazione
Alessandro Biancheta.bianchet@gazzettamatin.com
Danila Chenald.chenal@gazzettamatin.com
Erika Davide.david@gazzettamatin.com
Davide Pellegrinod.pellegrino@gazzettamatin.com
Cinzia Timpanoc.timpano@gazzettamatin.com
Patrick Barmassep.barmasse@gazzettamatin.com
Segreteria Roberta Prodotisegreteria@gazzettamatin.com




Concessionaria di pubblicitÀ
ADV Pubblicitŕ e marketing, concessonaria per la pubblicitŕ su settimanale Gazzetta Matin e sul sito internet newsvda.comLG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA
Tel: 0165.231711
Fax: 0165.1820141
E-mail segreteria@lgpresse.com

Responsabile di agenzia Arianna Gori Chisari
E-mail a.chisari@lgpresse.com

Account Tiziana Frisont.frison@lgpresse.com Luca Torinol.torino@lgpresse.com



Collaboratori

Massimo Altini, Miriam Begliuomini, Nadine Blanc, Michela Borgis, Riccardo Bortolotti, Alessandra Borre, Elisa Bosc, Federica Boscardin, Nadia Camposaragna, Paolo Ciambi, Cristina Compagnoni, Silvia Costa, Alexis Courthoud, Elettra Crocetti, Camilla Di Tommaso, Carol Di Vito, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Sofia Fregnani, Giulio Gasperini, Michael Ghignone, Francesca Jaccod, Cecilia Lazzarotto, Mariarosa Magro, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Carlotta Maquignaz, Federico Mecca, Stefano Meroni, Miriam Nex, Danilo Nicod, Simonetta Padalino, Margherita Pellegrino, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Mattia Pramotton, Martina Praz, Valeria Quaglino, Nicola Rolland, Raffaele Romano, Jacopo Romei, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Sara Sergi, Piera Squillia, Andrea Trovato, Laura Vinaj, Salim Znaidi.