<p>Hidrovi</p>
Notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani e notizie aosta
Meteo Valle d'Aosta

Consiglio Aosta: nessun rimpasto, salta solo Caminiti

La mozione del consigliere UV che chiedeva la ridistribuzione delle deleghe Ť bocciata, ma arrivano le dimissioni dalla presidenza della 3™ Commissione

notizie Aosta da Gazzetta Matin

Finisce con una sorta di boomerang la mozione "coerenza", presentata dal consigliere UV Vincenzo Caminiti e tesa a chiedere chiarimenti sulle decisioni del sindaco (andare in regione rimanere sul suo scranno), ma soprattutto a chidere un rimpasto con tanto di redistribuzione delle deleghe in Giunta.


L'iniziativa, infatti, è stata respinta (19 contrari, 5 astenuti - M5S e Alpe, 4 favorevoli - Lega, Caminiti, Andrione), ma ha portato con sé le dimissioni dello stesso Caminiti dalla presidenza della terza commissione "Servizi alla persona".


«Non la ritiro (come da richiesta del sindaco Centoz ndr.), perché sono contro le vendette e mi piacciono le cose chiare fatte subito e alla luce del sole. Tanto Marzi sa benissimo che la vendetta si ripresenterà più avanti» ha dichiarato Caminiti al termine di una discussione durata più di due ore. La mozione era arrivata in quanto Caminiti era rimasto «stupito dall'indecisione del sindaco quale strada intraprendere», ma sopratutto perché «non possiamo nascondere che ci siano cose che non funzionano. Per coerenza, io mi dimetto dalla presidenza della commissione, ma bisogna avere coraggio per dare rilancio ad Aosta. Carlo Marzi ha intrapreso un altro progetto politico? Bene, dovrebbe lasciare il posto in Giunta, anche perché sappiamo che nessuno lo manderà a casa, visto che non c'è nessuno in grado di sostituirlo».


Caminiti ha poi ribadito (contro Verducci) che «io non sono arrivato in Consiglio mano nella mano con la mamma, non ho padrini politici. I voti me li sono presi grazie al mio modo di fare e rimarrò nell'Uv finché mi sarà consentito».


Sindaco rafforzato?


Ne esce forse più rafforzato il sindaco Fulvio Centoz che «concede i 15 minuti di celebrità» a Caminiti, ma non arretra di un passo. «Come dichiarato, non ero indeciso nella scelta, ma ritengo giusto fare i dovuti passaggi - spiega -. Continuerò a fare il sindaco e non mi faccio dettare l'agenda da un singolo consigliere. Pur nelle difficoltà, confermo la fiducia agli assessori, con cui ho lavorato bene. Chiaro che gli accadimenti in Regione avranno ripercussioni, ma se ne parlerà nelle riunioni di maggioranza».


Minoranze tra due fuochi


Attaccano sindaco e Giunta, ma non risparmiano stilettate a Caminiti i consiglieri di minoranza, con Patrizia Pradelli che invita «per coerenza Caminiti a decidere se stare da una parte o dall'altra, perché se ci si lamenta del marito, o si va via o si fanno sforzi per collaborare», ma punge anche il primo cittadino: «Non è andata a palazzo perché lì non piaceva la vice sindaca»?


Etienne Andrione (gruppo misto di minoranza) riconosce il «coraggio» di Centoz, anche se lo «nasconde dietro le bugie. Se il PD, come dice, è l'unico ad avere il senso delle istituzioni, avendo come alleati un'accozzaglia di teppisti, dovrebbe prendere in mano la maggioranza e redistribuire le cariche».


Carola Carpinello (Altra VdA) si assenta dall'aula al momento del voto rilevando come «si porti avanti il gioco delle parti, a discapito della città. Mozione non può attecchire, visto che nessuno è in grado di sostituire Marzi al Bilancio». Andrea Manfrin (Lega) non le manda a dire, affermando che il sindaco ha «anteposto il suo partito ai cittadini; ma quando si hanno ruoli di governo, questo non si fa. Speravo in un suo passaggio in Regione, anche se per i nostri voti conviene che rimanga qui a fare disastri». E su Caminiti «do solo un consiglio: ritiri le dimissioni se l'intezione è quella di portare avanti un mandato in maniera differente dando voce a tutti».


Luca Lotto (M5S) parla invece di un sindaco «abilissimo nell'alzare la tensione, uscendone vincitore» ed elogia le «dimissioni di Caminiti» anche se sottolinea l'incongruenza del ruolo di «indipendente nelle file dell'UV».


Gianpaolo Fedi è «dispiaciuto delle dimissioni di Caminiti, perchè la libertà che abbiamo avuto nel portare avanti battaglie animate diventerà un ricordo».


La maggioranza "scarica" Caminiti


Tra i banchi della maggioranza il sostegno a sindaco e Giunta è "quasi" unanime, come unanime è invece la condanna a Caminiti. Sara Elena Dosio (gruppo misto di maggioranza) ricorda le motivazioni che hanno portato lei e Girasole alla scissione con Stella Alpina, ma sottolinea come «la coerenza ci porta a continuare l'impegno per far sì che il sindaco Fulvio Centoz possa proseguire l'esperienza alla guida città».


Pietro Verducci (PD) attacca invece Caminiti, dicendo che «la coerenza non sa bene dove sia. Se ritira le dimissioni da presidente, le darò io da commissario». Crea (PD) si limita a dare consigli a Caminiti: «quando si è in maggioranza si può dissentire, ma farlo sempre evidenzia un problema».


Delio Donzel (per ora ancora in Stella Alpina) esprime «la solidarietà e la fiducia nel sindaco» da parte di tutta la Giunta «che gioca dove dice l'allenatore, anche in panchina».


Cristina Galassi bacchetta Caminiti: «fa parte del suo show, dispiace, ma prenderemo le decisioni nelle sedi opportune. Il comune ha problemi più seri e, a differenza della Regione, dove si assiste a una guerra tra bande, è rimasto l'unica istituzione in cui poter dare risposte positive».


Antonino Malacrinò (PD) ritiene che «l'iniziativa andava ritirata, visto che il sindaco è stato chiaro fin da subito in maggioranza», ma che «le dimissioni di Caminiti sono obbligate, sono contento».


Luca Girasole (gruppo misto) parla di mozione trasformata in «boomerang», con il consigliere Caminiti che «porta avanti la coerenza in due scarpe». Il voto contrario è giustificato dalla «coerenza» pur condividendo «alcuni contenuti. Il sindaco è l'unico ad aver portato avanti le sue decisioni, mentre altri per coerenza avrebbero dovuto prendere provvedimenti: votando a favore, però, replicherei gli atteggiamenti di Stella Alpina». 


A chiuder ci pensa Carlo Marzi, tirato più volte in ballo: «I discorsi si fanno nelle sedi opportune; se dovessero arrivare vendette, di cui nessuno ha mai parlato, l'approdo in minoranza è scontato. Ma questa maggioranza sta lavorando bene e si comporta ancora per quel che è».


(alessandro bianchet)

leggi tutti gli articoli di POLITICA & ECONOMIA







Per commentare le notizie: registrati gratis al sito gazzettamatin.com
 


Archivio storico notizie

<p>Parc animalier grande</p>

<p>VALCOLOR</p>

<p>Engaz - Arte del legno s.r.l. | Fraz. Champagne, 55 11020 Verrayes (AO) Italy | Tel. +39 0166 54 68 02 | Fax +39 0166 54 66 21</p>

Lavoro, infrastrutture, investimenti

"Lavoro, infrastrutture, investimenti". Sono le tre priorità dell'agenda sviluppo del governo Gentiloni. Il presidente del Consiglio dei ministri, il quale lunedì 27 ha incontrato i presidenti di Regione (compreso Pierluigi Marquis), ha ribadito la necessità di mettere in campo un quadro di politiche economiche "che consenta [...]

leggi tutto e commenta

<p>PRO LOCO SAINT PIERRE</p>

<p>Tecnoserramenti</p>

Gli speciali di Gazzetta Matin

Periodicamente Gazzetta Matin dedica parte dell'edizione cartacea settimanale, per approfondire un argomento, con notizie, interviste, pubblicitŗ e redazionali.

GUARDA L'ULTIMO SPECIALE DI GAZZETTA MATIN

<p>Pro Loco Doues Sagra Polenta</p>

<p>SAVT AOSTA SINDACATI centro servizi</p>







NEWSVDA.IT
LA VALLE D'AOSTA NEL MONDO
Quotidiano online
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 8/2012
Autorizzazione del 13/12/2012
www.newsvda.it

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA


Gazzetta Matin TOUSLESJOURS, notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani online, notizie Aosta

Settimanale del lunedì
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/2002
Autorizzazione del 20/05/2002

Redazione:
Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta
Tel: 0165/231711 - Fax: 0165/1820141
Mail: segreteria@gazzettamatin.com
www.gazzettamatin.com

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA




Direttore responsabile Luca Mercantil.mercanti@gazzettamatin.com
Redazione
Alessandro Biancheta.bianchet@gazzettamatin.com
Danila Chenald.chenal@gazzettamatin.com
Erika Davide.david@gazzettamatin.com
Davide Pellegrinod.pellegrino@gazzettamatin.com
Cinzia Timpanoc.timpano@gazzettamatin.com
Patrick Barmassep.barmasse@gazzettamatin.com
Segreteria Roberta Prodotisegreteria@gazzettamatin.com




Concessionaria di pubblicitÀ
ADV Pubblicitŗ e marketing, concessonaria per la pubblicitŗ su settimanale Gazzetta Matin e sul sito internet newsvda.comLG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA
Tel: 0165.231711
Fax: 0165.1820141
E-mail segreteria@lgpresse.com

Responsabile di agenzia Arianna Gori Chisari
E-mail a.chisari@lgpresse.com

Account Tiziana Frisont.frison@lgpresse.com Luca Torinol.torino@lgpresse.com



Collaboratori

Massimo Altini, Miriam Begliuomini, Nadine Blanc, Michela Borgis, Riccardo Bortolotti, Alessandra Borre, Elisa Bosc, Federica Boscardin, Nadia Camposaragna, Paolo Ciambi, Cristina Compagnoni, Silvia Costa, Alexis Courthoud, Elettra Crocetti, Camilla Di Tommaso, Carol Di Vito, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Sofia Fregnani, Giulio Gasperini, Michael Ghignone, Francesca Jaccod, Cecilia Lazzarotto, Mariarosa Magro, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Carlotta Maquignaz, Federico Mecca, Stefano Meroni, Miriam Nex, Danilo Nicod, Simonetta Padalino, Margherita Pellegrino, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Mattia Pramotton, Martina Praz, Valeria Quaglino, Nicola Rolland, Raffaele Romano, Jacopo Romei, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Sara Sergi, Piera Squillia, Andrea Trovato, Laura Vinaj, Salim Znaidi.