<p>Hidrovi</p>
Notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani e notizie aosta
Meteo Valle d'Aosta

Per una scuola migliore

Chi si impegna per difendere qualcosa in cui crede lo accolgo sempre con profondo rispetto e spesso ne invidio la tenacia. A patto che la sua battaglia non leda la libertà altrui.
Nessun riferimento ai fatti di Milano, bensì allo sciopero nazionale della scuola. Già, la scuola: ma è mai possibile che in Italia quando si parla di scuola è sempre bagarre?
Rispetto, ma non tutte, le posizioni dei docenti, i quali chiedono al governo Renzi di rivedere alcuni punti del Disegno di legge “La buona scuola”.
Sono dalla parte dei docenti per: riaffermare la centralità dell’alunno nel progetto educativo; stabilizzare i precari; per l’obbligatorietà dell’ultimo anno della Primaria; per il rispetto della titolarità della sede e alla mobilità volontaria (ma solo a fine anno scolastico o per gravi motivi di famiglia o salute).
Non condivido per niente, invece, il timore della perdita di autonomia scolastica nel caso in cui fosse assegnato maggior potere ai dirigenti scolastici. Se questa è una proposta, significa che i Consigli di classe non funzionano poi così bene.
Con il polso della situazione del genitore-fruitore del servizio scolastico pubblico sia di scuola primaria che secondaria di primo grado, del componente di un Consiglio d’istituto, nonché, per questioni familiari, buon conoscitore del sistema scolastico scandinavo, penso che anche il Disegno di legge del governo Renzi non risolverà granché, come del resto è successo con le riforme passate che alla fine hanno lasciato tutti scontenti.
Necessitiamo di una vera riforma, che stabilizzi tutti i precari, così da azzerare le conflittualità contrattuali, per poter poi aprire un confronto vero sul merito, tasto dolente di tutta la pubblica amministrazione. Anche per la scuola, infatti, non c’è distinzione tra chi fa e ha voglia di fare e chi si adagia, galleggiando tra le pieghe di un contratto che garantisce in tutto e per tutto proprio chi il posto fisso ce l’ha. In una sola parola: bisogna voler superare la scomoda eredità che ci ha lasciato quel grande bluff che è stato il Sessantotto.
Se veramente, come sostengono i docenti, ma anche come dice di tenere il Governo, si vuole la riaffermazione della centralità dell’alunno, allora dobbiamo avere il coraggio di modernizzare la nostra scuola. Come? Diamo uno sguardo all’Europa, magari al Nord, dove si sta a scuola dal mattino fino a metà pomeriggio. Semplifico: al mattino lezioni; al pomeriggio approfondimenti, verifiche e compiti. Una volta suonata l’ultima campanella, nessun compito a casa, neanche nei fine settimana, perché nel pomeriggio-sera è giusto che i ragazzi possano svagarsi facendo sport o altro, mentre il weekend deve essere rigorosamente riservato alle famiglie. Alle Superiori, a scuola fino a 18 anni (e non 19 come da noi): si recupera un anno - che poi è pure un costo sociale al pari delle bocciature - che potrebbe permettere una vera alternanza scuola-lavoro. Direi che potrebbe essere un buon inizio per una scuola se non ottima, almeno migliore perché al passo con i tempi.
E’ tanto difficile?


Per commentare: registrati gratis al sito gazzettamatin.com
 

Archivio editoriali precedenti

Le opinioni di Gazzetta Matin
Alle prossime elezioni regionali per chi voteresti?
Alpe
Altra Valle d'Aosta
Edelweiss Popolari Autonomisti Valle d'Aosta
Movimento 5 Stelle
Lega Nord
Partito Democratico
Pour Notre Vallée
Stella Alpina
Union Valdotaine
Union Valdotaine Progressiste
Altro
Non andrò a votare
La foto del giorno

Grande festa per i cento anni di Iris Quagliotti, Caterina di Challant VI (Ph. Simona Giovinazzo)

Grande festa per i cento anni di Iris Quagliotti, Caterina di Challant VI (Ph. Simona Giovinazzo)

Inviateci le foto scattate da voi, all'indirizzo segreteria@...

 
 

Lavoro, infrastrutture, investimenti

"Lavoro, infrastrutture, investimenti". Sono le tre priorità dell'agenda sviluppo del governo Gentiloni. Il presidente del [...]   leggi tutto l'articolo

<p>VALCOLOR</p>

 
 

Casinò, si mette male

Nel 2014 il piano di riorganizzazione dell'allora amministratore unico Luca Frigerio ricevette una bordata di pernacchie. Lo stes [...]   leggi tutto l'articolo

<p>Pro Loco Doues Sagra Polenta</p>

 
 

La decadenza della classe dirigente

Se il giornalista e scrittore Sergio Rizzo lo venisse a sapere, scriverebbe subito l’appendice del suo “La Repubblica [...]   leggi tutto l'articolo

 







NEWSVDA.IT
LA VALLE D'AOSTA NEL MONDO
Quotidiano online
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 8/2012
Autorizzazione del 13/12/2012
www.newsvda.it

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA


Gazzetta Matin TOUSLESJOURS, notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani online, notizie Aosta

Settimanale del lunedì
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/2002
Autorizzazione del 20/05/2002

Redazione:
Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta
Tel: 0165/231711 - Fax: 0165/1820141
Mail: segreteria@gazzettamatin.com
www.gazzettamatin.com

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA




Direttore responsabile Luca Mercantil.mercanti@gazzettamatin.com
Redazione
Alessandro Biancheta.bianchet@gazzettamatin.com
Danila Chenald.chenal@gazzettamatin.com
Erika Davide.david@gazzettamatin.com
Davide Pellegrinod.pellegrino@gazzettamatin.com
Cinzia Timpanoc.timpano@gazzettamatin.com
Patrick Barmassep.barmasse@gazzettamatin.com
Segreteria Roberta Prodotisegreteria@gazzettamatin.com




Concessionaria di pubblicitÀ
ADV Pubblicità e marketing, concessonaria per la pubblicità su settimanale Gazzetta Matin e sul sito internet newsvda.comLG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA
Tel: 0165.231711
Fax: 0165.1820141
E-mail segreteria@lgpresse.com

Responsabile di agenzia Arianna Gori Chisari
E-mail a.chisari@lgpresse.com

Account Tiziana Frisont.frison@lgpresse.com Luca Torinol.torino@lgpresse.com



Collaboratori

Massimo Altini, Miriam Begliuomini, Nadine Blanc, Michela Borgis, Riccardo Bortolotti, Alessandra Borre, Elisa Bosc, Federica Boscardin, Nadia Camposaragna, Paolo Ciambi, Cristina Compagnoni, Silvia Costa, Alexis Courthoud, Elettra Crocetti, Camilla Di Tommaso, Carol Di Vito, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Sofia Fregnani, Giulio Gasperini, Michael Ghignone, Francesca Jaccod, Cecilia Lazzarotto, Mariarosa Magro, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Carlotta Maquignaz, Federico Mecca, Stefano Meroni, Miriam Nex, Danilo Nicod, Simonetta Padalino, Margherita Pellegrino, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Mattia Pramotton, Martina Praz, Valeria Quaglino, Nicola Rolland, Raffaele Romano, Jacopo Romei, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Sara Sergi, Piera Squillia, Andrea Trovato, Laura Vinaj, Salim Znaidi.