<p>Hidrovi</p>
Notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani e notizie aosta
Meteo Valle d'Aosta

Obama, sconfitto nonostante un'economia che tira

L'era del primo presidente di colore della storia americana è finita il 4 novembre, con la secca sconfitta dei democratici alle elezioni di metà mandato, che hanno sancito la netta vittoria dei repubblicani, nonostante la "tenuta" di Obama in due stati importanti come New York e California.
Da più parti si diceva che queste elezioni sarebbero state un referendum su Obama. Adesso il presidente è, come lo definiscono gli americani, una "lame duck" - un'anatra zoppa -: in carica ancora due anni, ma senza la maggioranza né al al Senato né alla Camera.
Obama al tappeto. Eppure l'economia statunitense va bene (il Pil è in forte crescita), il costo del carburante ai distributori è crollato, l'occupazione è risalita (+ 10 milioni di posti di lavoro). Cosa non va allora? E' che la classe media è in crisi: tutti faticano ad arrivare alla fine del mese, le tasse sono elevate e, soprattutto, la qualità dei posti di lavoro è insoddisfacente, con la diseguaglianza che aumenta. Come faranno i repubblicani a raddrizzare? Difficile dirlo. Una cosa è certa: Obama avrà le mani legate sulle riforme e, se vuole lasciare un segno della sua presenza alla Casa Bianca, dovrà scendere a patti con i repubblicani. Il primo confronto sarà quello delal riforma fiscale, con l'intesa fallita già due anni fa. E poi la riforma sanitaria, che i repubblicani vorrebbero cancellare e che lo stesso Obama ha detto più volte che così com'è non funziona.
E' certo che noi italiani facciamo fatica a capire le ragione della sconfitta di Obama. Magari avessimo anche noi un'economia in crescita, prezzi dell'energia in calo e un'occupazione in costante aumento!
Per uscire dalla crisi, che loro stessi hanno generato, gli Usa hanno scelto una politica completamente diversa rispetto a quella europea: immissione nel mercato di molta moneta a sostegno dei consumi. Ha funzionato, alemno nel senso della creazione di posti di lavoro (anche se non di qualità). Noi europei abbiamo intrapreso la strada dell'austerità, e adesso ne stiamo pagando le conseguenze.
In Italia stiamo cercando di capire se le riforme che Matteo Renzi annuncia siano reali oppure semplice "fuffa". La riforma di cui noi italiani abbiamo maggiormente bisogno credo sia quella culturale: cultura della legalità e rispetto delle regole. Solo così potremo risalire la china.



Per commentare: registrati gratis al sito gazzettamatin.com
 

Archivio editoriali precedenti

Le opinioni di Gazzetta Matin
Alle prossime elezioni regionali per chi voteresti?
Alpe
Altra Valle d'Aosta
Edelweiss Popolari Autonomisti Valle d'Aosta
Movimento 5 Stelle
Lega Nord
Partito Democratico
Pour Notre Vallée
Stella Alpina
Union Valdotaine
Union Valdotaine Progressiste
Altro
Non andrò a votare
La foto del giorno

Grande festa per i cento anni di Iris Quagliotti, Caterina di Challant VI (Ph. Simona Giovinazzo)

Grande festa per i cento anni di Iris Quagliotti, Caterina di Challant VI (Ph. Simona Giovinazzo)

Inviateci le foto scattate da voi, all'indirizzo segreteria@...

 
 

Lavoro, infrastrutture, investimenti

"Lavoro, infrastrutture, investimenti". Sono le tre priorità dell'agenda sviluppo del governo Gentiloni. Il presidente del [...]   leggi tutto l'articolo

<p>SAVT AOSTA SINDACATI centro servizi</p>

 
 

Casinò, si mette male

Nel 2014 il piano di riorganizzazione dell'allora amministratore unico Luca Frigerio ricevette una bordata di pernacchie. Lo stes [...]   leggi tutto l'articolo

<p>Engaz - Arte del legno s.r.l. | Fraz. Champagne, 55 11020 Verrayes (AO) Italy | Tel. +39 0166 54 68 02 | Fax +39 0166 54 66 21</p>

 
 

La decadenza della classe dirigente

Se il giornalista e scrittore Sergio Rizzo lo venisse a sapere, scriverebbe subito l’appendice del suo “La Repubblica [...]   leggi tutto l'articolo

<p>Carrefour SSC</p>

 







NEWSVDA.IT
LA VALLE D'AOSTA NEL MONDO
Quotidiano online
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 8/2012
Autorizzazione del 13/12/2012
www.newsvda.it

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA


Gazzetta Matin TOUSLESJOURS, notizie dalla Valle d'Aosta, giornali valdostani online, notizie Aosta

Settimanale del lunedì
Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/2002
Autorizzazione del 20/05/2002

Redazione:
Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta
Tel: 0165/231711 - Fax: 0165/1820141
Mail: segreteria@gazzettamatin.com
www.gazzettamatin.com

Editore:
LG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA




Direttore responsabile Luca Mercantil.mercanti@gazzettamatin.com
Redazione
Alessandro Biancheta.bianchet@gazzettamatin.com
Danila Chenald.chenal@gazzettamatin.com
Erika Davide.david@gazzettamatin.com
Davide Pellegrinod.pellegrino@gazzettamatin.com
Cinzia Timpanoc.timpano@gazzettamatin.com
Patrick Barmassep.barmasse@gazzettamatin.com
Segreteria Roberta Prodotisegreteria@gazzettamatin.com




Concessionaria di pubblicitÀ
ADV Pubblicità e marketing, concessonaria per la pubblicità su settimanale Gazzetta Matin e sul sito internet newsvda.comLG PRESSE S.R.L.
Regione Borgnalle, 12
11100 AOSTA
Tel: 0165.231711
Fax: 0165.1820141
E-mail segreteria@lgpresse.com

Responsabile di agenzia Arianna Gori Chisari
E-mail a.chisari@lgpresse.com

Account Tiziana Frisont.frison@lgpresse.com Luca Torinol.torino@lgpresse.com



Collaboratori

Massimo Altini, Miriam Begliuomini, Nadine Blanc, Michela Borgis, Riccardo Bortolotti, Alessandra Borre, Elisa Bosc, Federica Boscardin, Nadia Camposaragna, Paolo Ciambi, Cristina Compagnoni, Silvia Costa, Alexis Courthoud, Elettra Crocetti, Camilla Di Tommaso, Carol Di Vito, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Sofia Fregnani, Giulio Gasperini, Michael Ghignone, Francesca Jaccod, Cecilia Lazzarotto, Mariarosa Magro, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Carlotta Maquignaz, Federico Mecca, Stefano Meroni, Miriam Nex, Danilo Nicod, Simonetta Padalino, Margherita Pellegrino, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Mattia Pramotton, Martina Praz, Valeria Quaglino, Nicola Rolland, Raffaele Romano, Jacopo Romei, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Sara Sergi, Piera Squillia, Andrea Trovato, Laura Vinaj, Salim Znaidi.